02 Apr 2019

Con il decreto legislativo entrato in vigore lo scorso 22 marzo, anche l’Italia si allinea all’UE in tema di acqua radioattiva e tutela della salute pubblica. Il nostro Paese recepisce infatti la direttiva Euratom del 2013, fissando a livello normativo i principi e le modalità di controllo delle sostanze radioattive presenti nelle acque destinate al consumo umano.

Il decreto si applica alle acque trattate e non trattate destinate a uso potabile, alla cottura di cibi o ad altri utilizzi domestici, ma anche alle acque utilizzate nelle imprese alimentari. Al di fuori della disposizione rimangono invece le acque minerali naturali e le acque medicinali.

Al fine di tutelare la salute della popolazione, le Regioni e le Provincie autonome sono dunque chiamate a istituire programmi di controllo per garantire il rispetto dei requisiti di salubrità dell’acqua potabile, definendo inoltre la frequenza delle attività di campionamento e analisi delle acque imbottigliate o confezionate destinate alla vendita.

Contactez-nous

Projets et Références

2018 - Desalination Plant HYDROS ® SW 24

Greece

2013 - Trial Pilot Plant for chemical industry

Germany

2020 - Brackish Water plant for First Aid and Reception Centre

Lampedusa, Italy